BIO Relatori

Alberto Abruzzese

E' uno dei maggiori mediologi italiani e Professore emerito dell’Università IULM di Milano. Dal 2005 al 2011 è stato professore ordinario di sociologia dei processi culturali e comunicativi e direttore dell'istituto di comunicazione, Prorettore per l'Innovazione Tecnologica e le Relazioni Internazionali, Direttore dell'Istituto di Comunicazione e Preside della Facoltà di Turismo, Eventi e Territorio e Prorettore per l'Innovazione Tecnologica e le Relazioni Internazionali. Saggista prolifico, ha scritto di letteratura, di cinema, di sociologia della comunicazione e della pubblicità, di storia sociale dell'industria culturale e delle innovazioni tecnologiche, di mediologia.

Riccardo Campa

Laureato in Scienze politiche nel 1990 e in Filosofia nel 1994 all'Università di Bologna, Riccardo Campa ha conseguito il titolo di Giornalista professionista presso l'Ordine dei giornalisti di Roma nel 1995, il dottorato in Epistemologia all'Università Nicolaus Copernicus di Torun nel 1999 e l'abilitazione in Sociologia all'Università Jagellonica di Cracovia nel 2009. Nell'ambito della sociologia della scienza, è annoverato tra gli allievi di Robert K. Merton, fondatore di questa disciplina. A differenza di alcuni continuatori della scuola costruttivista, Merton ha sempre mostrato un atteggiamento positivo nei confronti delle scienze, e Campa è rimasto fedele a questa impostazione. È conosciuto soprattutto per i suoi studi nel campo dell'etica della scienza e del transumanesimo e, precisamente, per la sua difesa dell'idea di evoluzione autodiretta. Svolge ricerche sia nella veste di Professore associato di Sociologia della scienza e della tecnica all'Università Jagellonica di Cracovia, sia nella veste di Presidente dell'Associazione Italiana Transumanisti, della quale è fondatore.

 

Antonio A. Martino

Professore emerito della Università del Salvador (Argentina) e della;Università di Pisa (Italia). Membro dellla Accademia Nazionale di Diritto e Scienze Sociali di Cordoba. Membro associato del Center for Artificial Intelligence and Cognate learning della Università di Greenwich, Membro della European Association of Legislation;, Direttore del Manuale del Digesto Argentino, 1999 . Dichiarato dalla Legge 4286 Personalità eccezionale della Città di Buenos Aires nel campo delle Scienze Giuridiche. Autore di 43 libri e 681 articoli scientifici. E' considerato uno dei padri fondatori dell'Informatica Giuridica mondiale.

Antonio Marturano

Nato a Taranto il 10/06/1965 e si è laureato in Filosofia  ed ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Filosofia Analitica del Diritto presso l’Università Statale di Milano è stato membro del Comitato di etica della Difesa Militare Italiana (DIFESAN) fino alla sua abrogazione. e' stato premiato nel 1999 con una borsa Marie Curie Fellowship per continuare gli studi nel Regno Unito con Ruth Chadwick prima alla University of Central Lancashire (Preston) e poi presso la University of Lancaster; Dal 2002 è diventato research fellow presso il Centre for Leadership Studies alla University of Exeter e si è interessato dei problemi etici e filosofici degli studi sulla Leadership nel 2006 è il primo europeo a diventare Lecturer presso la Jepson School of Leadership alla University of Richmond (VA): oggi è professore a contratto di Antropologia Filosofica all'Università Tor Vergta di Roma. Ha pubblicato diversi saggi e oltre 100 articoli sia in italiano che in inglese, Ha in fase di preparazione un volume sulla filosofia della leadership e in fase di stampa un volume collettaneo sulla Disoccupazione tecnologica entrambi per la Routledge.  

Andrea Velardi 
E' ricercatore nel settore di Filosofia Teoretica presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Messina dove insegna Filosofia dei Processi Cognitivi e Psicologia Cognitiva presso il corso di laurea in Psicologia. È incaricato di Gnoseologia e Semiotica presso il Dipartimento di Scienze della Formazione della Università degli Studi di Roma 3. È Honorary Visiting Fellow presso la City University of London dove lavora ad un progetto di ricerca sulla natura dei livelli di astrazione e la struttura delle categorie e dei concetti che ha ottenuto un finanziamento dall’Università di Messina. Collabora stabilmente con le pagine culturali del Messaggero. Ha pubblicato Il nuovo paradigma. Categorie, prototipi e semantica cognitiva (2005), Linguaggio e memoria (2006), Verità e realismo. Per una ontologia dei dati della conoscenza (2006), La Barba di Platone. Quale ontologia per gli oggetti materiali? (Mimesis, 2012). Approfondendo i rapporti tra filosofia teoretica e psicologia cognitiva si occupa della possibilità di sviluppare la gnoseologia speculativa in una aggiornata teoria della conoscenza. Si occupa anche delle relazioni tra la sfera della rappresentazione e quella dell’ontologia e della metafisica sviluppando una versione ampia di realismo interno.